Analisi del testo e Parafrasi: "I fiumi" di Ungaretti | fareLetteratura

Analisi del testo: "I fiumi" di Giuseppe Ungaretti

Scheda sintetica dell'opera
  • Autore Giuseppe Ungaretti
  • Titolo dell'Opera L'Allegria
  • Edizioni dell'opera Il primo nucleo di poesie (tra le quali I fiumi) esce nel 1916 con il titolo Il Porto sepolto; nel 1919 esce l'edizione Allegria di naufragi ed infine, nel 1931, tutte le poesie confluiscono nell'Allegria che vede la sua redazione finale nel 1942
  • Genere Poesia lirica
  • Forma metrica Versi liberi. I vv. 1-2 possono essere letti come endecasillabi, mettendo in atto gli usuali processi di sinalefe e dialefe

Analisi del testo e Parafrasi: “I fiumi” di Giuseppe Ungaretti

Analisi del testo: "I fiumi" di Giuseppe Ungaretti

Testo dell'opera

Cotici il 16 agosto 1916

1. Mi tengo a quest’albero mutilato
2. abbandonato in questa dolina
3. che ha il languore
4. di un circo
5. prima o dopo lo spettacolo
6. e guardo
7. il passaggio quieto
8. delle nuvole sulla luna

9. Stamani mi sono disteso
10. in un’urna d’acqua
11. e come una reliquia
12. ho riposato

13. L’Isonzo scorrendo
14. mi levigava
15. come un suo sasso

16. Ho tirato su
17. le mie quattr’ossa
18. e me ne sono andato
19. come un acrobata
20. sull’acqua

21. Mi sono accoccolato
22. vicino ai miei panni
23. sudici di guerra
24. e come un beduino
25. mi sono chinato a ricevere
26. il sole

27. Questo è l’Isonzo
28. e qui meglio
29. mi sono riconosciuto
30. una docile fibra
31. dell’universo

32. Il mio supplizio
33. è quando
34. non mi credo
35. in armonia

36. Ma quelle occulte
37. mani
38. che m’intridono
39. mi regalano
40. la rara
41. felicità

42. Ho ripassato
43. le epoche
44. della mia vita

45. Questi sono
46. i miei fiumi

47. Questo è il Serchio
48. al quale hanno attinto
49. duemil’anni forse
50. di gente mia campagnola
51. e mio padre e mia madre

52. Questo è il Nilo
53. che mi ha visto
54. nascere e crescere
55. e ardere d’inconsapevolezza
56. nelle estese pianure

57. Questa è la Senna
58. e in quel suo torbido
59. mi sono rimescolato
60. e mi sono conosciuto

61. Questi sono i miei fiumi
62. contati nell’Isonzo

63. Questa è la mia nostalgia
64. che in ognuno
65. mi traspare
66. ora ch’è notte
67. che la mia vita mi pare
68. una corolla
69. di tenebre

Parafrasi affiancata

1. Sto vicino a quest'albero mutilato [privato dei rami a causa dello scoppio di una bomba]
2. abbandonato in questa cavità [la dolina è tipica delle regioni carsiche]
3. che ha la tristezza
4. di un circo
5. prima o dopo lo spettacolo [quindi si riferisce ad un circo vuoto]
6. e guardo
7. il paesaggio tranquillo
8. delle nuvole sulla luna
9. Stamattina mi sono disteso
10. in una pozza d'acqua [l'utilizzo della parola urna in relazione alla successiva reliquia suggerisce il valore sacrale del gesto dell'immersione]
11. e come una reliquia [=resto sacro]
12. ho riposato.

13. L'Isonzo scorrendo
14. mi levigava
15. come un suo sasso.
16-17. Mi sono rialzato
18. e me ne sono andato
19-20. camminando con difficoltà sull'acqua, passando sui sassi del fiume, come un acrobata.

21. Mi sono accovacciato
22. vicino ai miei panni
23. sporchi di guerra
24. e come un beduino [=nomade del deserto]
25. mi sono abbassato a ricevere
26. il sole

27. Questo è l'Isonzo
28. e qui, più che in ogni altro luogo,
29. mi sono riconosciuto [in guerra il poeta ha modo di approfondire se stesso]
30. come una piccola, docile parte
31. del tutto, dell'universo.

32. Il mio tormento
33-35. è non riuscirmi a sentire in armonia con questo tutto

36. Ma quelle occulte
37. mani [si riferisce alle acque del fiume che, personificate, sono come mani]
38. che mi bagnano
39. mi donano
40. la rara
41. felicità

42. Ho ripercorso con la memoria
43. le epoche
44. della mia vita

45. Questi sono
46. i miei fiumi [vedi il Commento per la spiegazione dei diversi fiumi]

47. Questo è il Serchio
48. al quale hanno attinto
49-51. i miei avi, gente semplice, e mio padre e mia madre

52. Questo è il Nilo
53. che mi ha visto
54. nascere e crescere
55. e ardere di inconsapevolezza [si riferisce all'età adolescenziale]
56. nell'estese pianure

57. Questa è la Senna
58. e nelle sue acque torbide
59. mi sono rimescolato
60. e mi sono conosciuto

61. Questi sono i miei fiumi
62. rievocati dall'Isonzo

63. Questa è la mia nostalgia
64. che in ognuno di essi
65. mi si manifesta
66. ora che è notte
67. che la mia vita mi sembra
68. una corolla
69. di tenebre [la corolla è la parte che avvolge il cuore del fiore, e in questo caso richiama l'idea della morte e della precarietà della vita, in particolare nella situazione di guerra di cui è protagonista Ungaretti].

Parafrasi discorsiva

Sto vicino a quest'albero mutilato [privato dei rami a causa dello scoppio di una bomba] abbandonato in questa cavità [la dolina è tipica delle regioni carsiche], che ha la tristezza di un circo prima o dopo lo spettacolo [quindi si riferisce ad un circo vuoto] e guardo il paesaggio tranquillo delle nuvole sulla luna.

Stamattina mi sono disteso in una pozza d'acqua [l'utilizzo della parola urna in relazione alla successiva reliquia suggerisce il valore sacrale del gesto dell'immersione] e come una reliquia ho riposato. L'Isonzo scorrendo mi levigava come un suo sasso. Mi sono rialzato e me ne sono andato, camminando con difficoltà sull'acqua, passando sui sassi del fiume, come un acrobata.

Mi sono accovacciato vicino ai miei panni sporchi di guerra e come un beduino [=nomade del deserto] mi sono abbassato a ricevere il sole.

Questo è l'Isonzo e qui, più che in ogni altro luogo, mi sono riconosciuto [in guerra il poeta ha modo di approfondire se stesso] come una piccola, docile parte del tutto, dell'universo. Il mio tormento è non riuscirmi a sentire in armonia con questo tutto. Ma quelle occulte mani [si riferisce alle acque del fiume che, personificate, sono come mani] che mi bagnano mi donano la rara felicità.

Ho ripercorso con la memoria le epoche della mia vita. Questi sono i miei fiumi:
Questo è il Serchio al quale hanno attinto i miei avi, gente semplice, e mio padre e mia madre. Questo è il Nilo che mi ha visto nascere e crescere e ardere di inconsapevolezza [si riferisce all'età adolescenziale] nell'estese pianure. Questa è la Senna e nelle sue acque torbide mi sono rimescolato e mi sono conosciuto

Questi sono i miei fiumi rievocati dall'Isonzo. Questa è la mia nostalgia che in ognuno di essi mi si manifesta ora che è notte, che la mia vita mi sembra una corolla di tenebre [la corolla è la parte che avvolge il cuore del fiore, e in questo caso richiama l'idea della morte e della precarietà della vita, in particolare nella situazione di guerra di cui è protagonista Ungaretti].

Figure Retoriche

  • Enjambements vv. 3-4; vv. 7-8; vv. 9-10; vv. 11-12; vv. 14-15; vv. 15-17; vv. 19-20; vv. 22-23; vv. 24-25; vv. 25-26; vv. 28-29; vv. 30-31; vv. 32-33; vv. 34-35; vv. vv. 36-37; vv. 40-41; vv. 42-43; vv. 43-44; vv. 45-46; vv. 48-49; vv. 50-51; vv. 53-54; vv. 55-56; vv. 58-59; vv. 64-65; vv. 66-67; vv. 68-69;
  • Personificazioni vv. 2-3: “abbandonato in questa dolina/ che ha il languore”; vv. 52-55: “Questo è il Nilo/ che mi ha visto/ nascere e crescere/ e ardere d’inconsapevolezza";
  • Metafore vv. 3-4: “che ha il languore/ di un circo”; v. 10: “in un’urna d’acqua”; vv. 30-31: “una docile fibra/ dell’universo”; vv. 36/38: “Ma quelle occulte/ mani/ che m’intridono” (metafora antropomorfica),
  • Metonimia vv. 13-14: “L’Isonzo scorrendo/ mi levigava”;
  • Similitudini v. 11: “come una reliquia”; v. 15: “come un sasso”; v. 19: “come un acrobata”; v. 24: “come un beduino”;
  • Sineddoche v. 17: “le mie quattr’ossa”;
  • Anafore v. 45: “Questi”; v. 47: “Questo”; v. 52: “Questo”; v. 57: “Questa”; v. 61: “Questi”; v. 63: “Questa”;
  • Analogia vv. 2-4: "[...] dolina/ che ha il languore/ di un circo".

Commento

La guerra nel Carso è fonte di grande ispirazione per Ungaretti, il quale scrive in trincea diverse poesie, prima apparse su «Lacerba» nel 1915 e poi pubblicate, nel dicembre 1916, nella raccolta Il porto sepolto: il diario dal fronte. A queste poesie se ne aggiungono altre, confluite prima nella raccolta Allegria di naufragi del 1919, poi nell’edizione dell’Allegria del 1931 e, con altre varianti, in quella definitiva del 1942.

Il titolo Il porto sepolto, nasce da un ricordo dell’infanzia del poeta vissuta ad Alessandria d’Egitto: la notizia di un «porto sommerso» in fondo al mare dalla sabbia del deserto, di un’era anteriore alla fondazione della città e di cui si è persa la memoria. Un porto sepolto che è anche, in qualche modo, simbolo del mistero dell’esistenza. La vita, infatti, è un mistero così difficile da decodificare che, anche in mezzo alla morte e alla distruzione portata dalla guerra può nascere un’illogica vigoria, dalla quale deriva il titolo definitivo Allegria (molto più chiaro nella forma Allegria di naufragi).

La lirica I fiumi si presta alla comprensione dell’intera raccolta, come ci ricorda lo stesso poeta: «meglio di quanto potrei dirlo io in questo momento l’hanno detto i miei Fiumi, che è il vero momento nel quale la mia poesia prende insieme a me chiara coscienza di sé».1 La lirica aiuta a comprendere la sua poetica e ci racconta aspetti molto interessanti delle sue vicende biografiche: «vi sono enumerate le quattro fonti che in me mescolarono le loro acque, i quattro fiumi il cui moto dettò i canti che allora scrissi».2

Il poeta ci presenta diversi aspetti della sua esistenza citando alcuni fiumi per lui molto importanti:

  • il Serchio, il fiume del territorio di Lucca, la città originaria della famiglia del poeta;
  • il Nilo che lo “ha visto nascere” perché il poeta è nato ad Alessandria d’Egitto e lì ha vissuto la sua adolescenza, quando ancora non aveva piena consapevolezza di sé e del mondo;
  • la Senna di Parigi, città nella quale Ungaretti ha conosciuto il “torbido” malessere esistenziale (lo spleen di cui ha parlato Baudelaire), e ha acquisito consapevolezza e si è formato come letterato;
  • l’Isonzo, il fiume che scorre nel Carso devastato, su cui i fanti italiani combatterono dodici battaglie terribili contro gli Austriaci.

Ancora una volta è la tragedia della prima guerra mondiale la vera protagonista del componimento, ed è un paesaggio di guerra quello che ci viene presentato. Il poeta resiste nel paesaggio come un albero mutilato e contempla la natura per ritrovare il senso delle cose.

I fiumi, infatti, hanno un valore di «summa poetica (ed esistenziale), nei quali una tregua della saison en enfer [stagione all’inferno] dei combattimenti si concretizza nel gesto archetipico dell’uomo che affida la propria ansia di assoluto al flusso eracliteo del divenire (vv. 61-69)».3

Il poeta è nascosto in una dolina: cavità tipica del terreno carsico, usata dai soldati come trincea, durante la prima guerra mondiale. Ciò che lo circonda è desolante: è un circo senza spettatori, perché è il momento in cui le luci della ribalta sono spente.

Il poeta, unico superstite, si sente come una reliquia conservata in un’urna (l’urna d’acqua è l’atto simbolico della morte, se si legge la poesia come una discesa agli inferi) e, dopo essersi alzato cammina in bilico, come farebbe un acrobata (riprende la metafora del circo), sul fondo melmoso e pieno di sassi. S’immerge nelle acque del fiume e dopo si avvicina ai suoi vestiti “sudici di guerra” e come un beduino (similitudine che richiama un nomade arabo che vive nei deserti dell’Africa, terra in cui il poeta è nato) si prostra per ricevere il sole.

L’Isonzo è il fiume in cui il poeta si riconosce fino in fondo come una parte piccolissima dell’universo (“una docile fibra dell’universo”), dopo aver compiuto un lungo processo per acquisire la consapevolezza di essere comunque nella soavità dell’acqua, così come nell’angoscia che deriva dal vedere la devastazione del Carso.

La guerra mette l’uomo a nudo e lo porta ad una maggiore consapevolezza di sé e dei suoi rapporti con la natura, a conoscere pienamente la condizione umana. I fiumi ricostruiscono la sua fibra e lo aiutano ad entrare in armonia con il creato e con se stesso, sebbene permanga un forte senso di nostalgia, tanto è che la poesia si chiude come è iniziata: con un paesaggio notturno che riflette l’angoscia e la desolazione che il poeta prova di fronte al mondo sconvolto dall’atrocità della guerra.

Questa poesia presenta alcune delle innovazioni stilistiche tipiche del lirismo dell’Allegria di Ungaretti: l’indicazione del luogo e della data della composizione; il contenuto autobiografico; la sintassi particolarmente frammentata e una metrica diversa da quella tradizionale, perché i versi sono ridotti a brevi sintagmi (i cosiddetti “versicoli”) alla ricerca della cosiddetta parola “scavata”.

L’Allegria tutta attua una nuova sintassi lirica: le rare parole campeggiano con forza sul foglio bianco. Ungaretti si pone, infatti, l’obiettivo di ritornare ad una significazione autentica, staccandosi nettamente dalla retorica della poesia dei poeti-vati.


1 G. UNGARETTI, Vita d’un uomo. Tutte le poesie, Milano, Mondadori, 1974, p. 505.
2 Ivi, p. 517.
3 S. PAVARINI, Umberto Saba, Giuseppe Ungaretti, Salvatore Quasimodo. Poetica e poesia dell’ermetismo, in Storia della Letteratura Italiana: Il Novecento, tra le due guerre, Roma, Il Sole 24 ore S.p.A, 2005, pp. 451-543: 488.

(2) Commenti e Domande

(2) Commenti e Domande

Lascia un commento

Devi essere loggato per postare un commento.