Analisi del testo e Parafrasi: “Meriggiare pallido e assorto” di Eugenio Montale