Autore: Morena Federici

L'Enigma dei numeri primi, Marcus Du Sautoy

Se si eccettuano forse la passione per il cricket e una personale lotta incessante con Dio, nulla l’ossessionava quanto il desiderio di dimostrare che tutti gli zeri giacevano sulla retta di Riemann. Quando si recava a vedere gli incontri di cricket, portava con sé un corredo di armi “antidio” per scongiurare che piovesse. Anche se […]

Lettere d'amore di Abelardo e Eloisa, Abelardo

Sospiro per ciò che non ho potuto avere, invece di dolermi per ciò che ho commesso. Ciò che facemmo, i luoghi e i momenti in cui lo facemmo, tutto questo è così infisso nel mio animo, insieme alla tua immagine, che ancora adesso mi comporto come se fossi con te. Nemmeno dormendo questi ricordi mi […]

Le amanti-Gli amanti, Matilde Serao

Sì. L’amore nostro è stato solamente conosciuto da me a lui. Siccome egli, mi amava solo per amarmi, assolutamente ed esclusivamente per amarmi, così volle e mantenne il segreto. Matilde Serao scrive, alla fine dell’Ottocento, diciassette novelle d’amore, Le amanti-Gli amanti, accomunate da uno stesso tragico finale: l’amore è destinato a finire. L’amore, di cuila […]

L’Amore ai tempi del colera, Gabriel García Márquez

Allora Florentino Ariza seppe che in qualche notta incerta del futuro, in un letto felice con Fermina Daza, le avrebbe raccontato di non aver rivelato il segreto del suo amore neanche all’unica persona che si era guadagnata il diritto di saperlo. No: non lo avrebbe rivelato mai, neanche alla stessa Leona Cassiani, non perché non […]

Il maestro e Margherita, Michail Bulgakov

Al mattino presto del giorno quattordici del mese primaverile di Nisan, in un mantello bianco foderato di rosso, con una strascicata andatura da cavaliere, nel porticato tra le due ali del palazzo di Erode il Grande entrò il procuratore della Giudea Ponzio Pilato. […] – Il suo romanzo è stato letto, – prese a dire […]

I pesci non chiudono gli occhi, Erri De Luca

Mi secca mentre si allungano le pagine non ricordare il nome della ragazzina. Cinquant’anni di lasco non giustificano. Di lei mi vengono le frasi mentre avanzo a scrivere, si aggiungono dettagli precisi e niente nome. Potrei piazzargliene uno, magari anche appropriato, un nome della mitologia greca, ma diventerei uno del mestiere, uno che inventa. Da […]

Buio, Dacia Maraini

Mi sono inginocchiata e lui, ridendo, mi ha dato un ceffone. “Così impari a rovinarti le mani” ha detto “e ora chiedi scusa.” Ma di che, Pippo?” “Di essere cambiata e di avermi annoiato.” “Era la prima volta che mio marito mi metteva paura. Non lo capivo più, non capivo cosa voleva da me. Ma […]

Olive Kitteridge, Elizabeth Strout

Quello che i giovani non sanno, pensò Olive mentre si sdraiava accanto a quell’uomo, con la mano di lui sulla spalla, sul braccio, oh, quello che i giovani non sanno. Non sanno che i corpi anziani, rugosi e bitorzoluti sono altrettanto bisognosi dei loro corpi giovani e sodi, che l’amore non va respinto con noncuranza, […]

La tredicesima storia, Diane Setterfield

Come si accudiscono le tombe dei morti, così io accudisco i libri. Li pulisco, faccio piccole riparazioni, li tengo in ordine. E ogni giorno apro un paio di volumi e leggo qualche riga o qualche pagina lasciando che le voci dei morti dimenticati mi risuonino nella testa. Chissà se quegli scrittori morti lo sentono quando […]

Un cappello pieno di ciliege, Oriana Fallaci

Però quando aveva aggiunto che, terziario o no, santimonia o no, si trattava d’un uomo non sciocco, d’un tipo che sapeva leggere e scrivere, s’era illuminata come un campo di grano baciato dal sole. “Che avete detto?” “Che sa leggere e scrivere.” “Sul serio o così e così, la firma e basta?” “Sul serio. Possiede […]

Tempo di uccidere, Ennio Flaiano

Tornai verso la donna e trassi di tasca la rivoltella. La pallottola era già a posto e non avrei dovuto fare nessun rumore sospetto. Non pensavo a nulla, ma soltanto a mirare giusto. Mi impensieriva il rumore del colpo, che forse dal villaggio avrebbero sentito, allora raccattai la veste di lei e l’avvolsi attorno alla […]

Doppio Sogno, Arthur Schnitzler

– Cosa dobbiamo fare Albertine? Lei sorrise, e dopo una breve esitazione rispose: – Ringraziare il destino, credo, di essere usciti indenni da tutte le avventure, da quelle reali e da quelle sognate. – Ne sei proprio sicura? – domandò Fridolin. – Così sicura, come intuisco che la realtà di una notte, anzi, persino quella […]

Il lupo della steppa, Hermann Hesse

Quando dunque un uomo arriva già a sdoppiare la pretesa unità dell’io è già quasi un genio, in ogni caso però un’eccezione rara e interessante. In realtà nessun io, nemmeno il più ingenuo è unità, bensì un mondo molto vario, un piccolo cielo stellato, un caos di forme, di gradi e situazione, di eredità e […]

Tre Camere a Manhattan, Georges Simenon

“Ti amo, Francois!”. Lo disse una sola volta. E non avrebbe comunque potuto ripeterlo, perchè stavano così stretti l’uno all’altro che nessuno dei due sarebbe riuscito a parlare. Ed entrambi si sentivano stringere dentro in ugual misura la gola, il petto, e forse anche i loro cuori avevano smesso di sbattere… Che cos’altro avrebbero potuto […]

Le Affinità Elettive, Goethe

Ad ogni modo sono più significativi e singolari quei casi in cui si può rappresentare davvero l’attrazione, l’affinità, questo abbandonarsi, questo riunirsi a croce, dove quattro esseri, sin qui legati a due a due, messi a contatto tra loro lasciano il precedente legame per contrarne uno nuovo. In questo lasciar andare e afferrare, in questo […]

La Morte Di Ivan Il’ič, Lev N. Tolstoj

L’esempio di sillogismo, che aveva studiato nella logica di Kizeveter – Caio è un uomo, gli uomini sono mortali, quindi anche Caio è mortale – gli era sempre parso giusto, ma solo in relazione a Caio, non a se stesso. Un conto era Caio, l’uomo in generale, e allora quel sillogismo era perfettamente giusto; un […]

Michael mio, Amos Oz

Da alcuni anni ormai Michael sta fermo, con le mani sul volante, pensando o sonnecchiando. Ora gli dico addio. Non mi sento coinvolta. Mi arrendo. A otto anni ero convinta che a forza di comportarmi come un ragazzo sarei diventata un uomo invece che una donna. Quanti sforzi inutili! È inutile voler costruire in fretta, […]

Giobbe. Romanzo di un uomo semplice, Joseph Roth

Da quel giorno cessò il desiderio fra Mendel Singer e sua moglie. Come due persone dello stesso sesso, andavano a dormire, passavano le notti dormendo, si svegliavano la mattina. Si vergognavano l’uno dell’altro e tacevano, come nei primi giorni del loro matrimonio. La vergogna c’era stata all’inizio del loro desiderio e c’era pure alla sua […]

Italo Calvino racconta l'Orlando furioso, Italo Calvino

In principio c’è solo una fanciulla che fugge per un bosco in sella al suo palafreno. Sapere chi sia importa sino a un certo punto: è la protagonista d’un poema rimasto incompiuto, che sta correndo per entrare in un poema appena cominciato. Quelli di noi che ne sanno di più possono spiegare che si tratta […]

Dona Flor e i suoi due mariti, Jorge Amado

“Dio è grasso” (rivelazione di Vadinho al suo ritorno) Ahi! (sospiro di Dona Flor) Perfino loro due, così diversi in tutto il resto, solo in questo vanno d’accordo: pazzi tutti e due per la torta di puba o carima. Anche per qualche altra cosa? Mi lasci in pace, sor Jorge, non mi stuzzichi e non […]

Come un romanzo, Daniel Pennac

L’uomo costruisce case perché è vivo ma scrive libri perché si sa mortale. Vive in gruppo perché è gregario, ma legge perché si sa solo. La lettura è per lui una compagnia che non prende il posto di nessun’altra, ma che nessun’altra potrebbe sostituire. Non gli offre nessuna spiegazione definitiva sul suo destino ma intreccia […]