Guittone D’Arezzo

Guittone D’Arezzo (intorno al 1235 - 1294) nacque intorno al 1235 in un’agiata famiglia borghese di orientamento guelfo. Egli entrò a far parte dei Milites Beatae Virginis Mariae o Frati Godenti, ordine religioso- cavalleresco che permetteva l’ingresso anche a uomini sposati e con figli, quale era Guittone. Tale ordine mirava ad assicurare la pace all’interno della città e la difesa agli strati più deboli. Egli è il maggiore esponente di quella che è stata definita la Scuola Toscana di transizione, ossia quell’insieme di poeti all’interno dei comuni toscani che trattavano temi amorosi ma anche morali e politici. Questi stessi temi infatti sono alla base delle composizioni di Guittone raccolte nel suo Canzoniere, raccolta di canzoni e sonetti. Egli morì nel 1294.

Analisi del testo: "Ahi lasso, or è stagion de doler tanto"

in Rime

Guittone d’Arezzo è uno dei più importanti poeti del tredicesimo secolo, fondamentale caposcuola della rimeria toscana che raccoglie l’eredità della scuola siciliana dopo la morte di Federico II. L’attività poetica guittoniana è...

Vai all'analisi

Analisi del testo: "S'eo tale fosse ch'io potesse stare"

Il sonetto S’eo tale fosse ch’io potesse stare di Guittone d’Arezzo appartiene alla prima fase della sua produzione poetica, anteriore al 1265, anno in cui egli abbandona l’esperienza poetica e amorosa giovanile per en...

Vai all'analisi