Gabriele D’Annunzio

Gabriele D'Annunzio nasce a Pescara il 12 marzo 1863 e muore a Gardone Riviera il 1º marzo 1938. Il Vate - che influenzò gran parte della successiva produzione novecentesca - fu protagonista della scena letteraria e mondana del suo tempo. Nel suo continuo sovrapporre vita e letteratura, infatti, le vicissitudini biografiche costituirono probabilmente la sua opera più bella e famosa. La scrittura dannunziana rivela una creatività eccezionale, un'abilità unica nella manipolazione delle parole e delle immagini: difatti egli tenne sempre a presentarsi come imaginifico.

Analisi del testo: "I pastori"

in Alcyone

Le Laudi di Gabriele D’Annunzio sono cinque raccolte poetiche che devono il nome alle stelle della costellazione delle Pleiadi (Maia, Elettra, Alcyone, Merope, Asterope). Nell’Alcy...

Vai all'analisi

Analisi del testo: "La sera fiesolana"

in Alcyone

Le Laudi di Gabriele D’Annunzio sono cinque raccolte poetiche che devono il nome alle stelle della costellazione delle Pleiadi (Maia, Elettra, Alcyone, Merope, Asterope). Nell’Alcy...

Vai all'analisi

Analisi del testo: "La pioggia nel pineto"

in Alcyone

La poesia La pioggia nel pineto viene composta dal poeta a cavallo fra il luglio e l’agosto del 1902, ed appartiene alla sezione centrale di Alcyone (il terzo libro delle Laudi, uscito alla fine del 1903, e composto dal po...

Vai all'analisi