Francesco Petrarca

Francesco Petrarca (1304 - 1374) nacque ad Arezzo nel 1304, figlio di un notaio fiorentino esiliato in seguito alla vittoria dei guelfi neri. Si trasferì con la famiglia vicino ad Avignone, sede allora della corte papale, presso la quale lavora il padre. Egli studiò grammatica e poi diritto a Montpellier e a Bologna. Per ragioni economiche intraprende la carriera ecclesiastica diventando cappellano della potente famiglia romana dei Colonna. Il 6 aprile 1327 egli nella chiesa di Santa Chiara ad Avignone incontrò Laura, la donna da lui amata. Egli ricevette la laurea poetica, una corona d’alloro simbolo di eccellenza artistica, in Campidoglio dal re di Napoli Roberto D’Angiò. Trascorse la sua vita sempre in preda a un conflitto interiore poiché in lui coesistevano desideri materiali e allo stesso tempo spirituali. Morì ad Arquà nel 1374. La sua opera principale è il Rerum vulgarium fragmenta o Canzoniere, raccolta di componimenti il cui tema principale è quello dell’amore per Laura.

Analisi del testo: "Solo et pensoso"

in Rerum vulgarium fragmenta (Canzoniere)

Solo et pensoso, scritto nel 1337, è uno dei sonetti più famosi dei Rerum vulgarium fragmenta di Petrarca, che prenderanno poi successivamente il nome d’una indicazione di genere – Canzoniere – per ...

Vai all'analisi

Analisi del testo: "Chiare, fresche et dolci acque"

in Rerum vulgarium fragmenta (Canzoniere)

Il componimento Chiare, fresche et dolci acque fa parte del libro di liriche del Petrarca, il Canzoniere (titolo originale: Rerum vulgarium fragmenta), raccolta di trecentosessantasei poesie che raccontano la storia de...

Vai all'analisi

Analisi del testo: "Pace non trovo, et non ò da far guerra"

in Rerum vulgarium fragmenta (Canzoniere)

Il componimento Pace non trovo, et non ò da far guerra fa parte del libro di liriche del Petrarca, il Canzoniere (titolo originale: Rerum vulgarium fragmenta), raccolta di trecentosessantasei poesie che raccontano la ...

Vai all'analisi

Analisi del testo: "Erano i capei d’oro a l’aura sparsi"

in Rerum vulgarium fragmenta (Canzoniere)

Il componimento Erano i capei d’oro a l’aura sparsi fa parte del libro di liriche del Petrarca, il Canzoniere (titolo originale: Rerum vulgarium fragmenta), raccolta di trecentosessantasei poesie che raccontano la ...

Vai all'analisi

Analisi del testo: "Zephiro torna, e 'l bel tempo rimena"

in Rerum vulgarium fragmenta (Canzoniere)

Il componimento che leggiamo fa parte del libro di liriche del Petrarca, il Canzoniere (titolo originale: Rerum vulgarium fragmenta), raccolta di trecentosessantasei poesie che raccontano la storia dell’amore del poeta per ...

Vai all'analisi

Analisi del testo: "Movesi il vecchierel canuto et biancho"

in Rerum vulgarium fragmenta (Canzoniere)

Il componimento Movesi il vecchierel canuto et biancho fa parte del libro di liriche del Petrarca, il Canzoniere (titolo originale: Rerum vulgarium fragmenta), raccolta di trecentosessantasei poesie che raccontano la s...

Vai all'analisi

Analisi del testo: "Voi ch’ascoltate in rime sparse il suono"

in Rerum vulgarium fragmenta (Canzoniere)

Il Canzoniere di Petrarca è una raccolta di 366 poesie, in gran parte sonetti (317), in cui il poeta canta il suo amore, inappagato e tormentato, per Laura. La conflittuale vicenda d’amore non è fine a se stessa, bensì è assunta a ...

Vai all'analisi

Analisi del testo: "Almo Sol, quella fronde ch'io sola amo"

in Rerum vulgarium fragmenta (Canzoniere)

Almo Sol, quella fronde ch’io sola amo fa parte del libro di liriche del Petrarca, il Canzoniere (titolo originale: Rerum vulgarium fragmenta), raccolta di trecentosessantasei poesie che raccontano la storia dell&...

Vai all'analisi

Analisi del testo: "Italia mia, benché ’l parlar sia indarno"

in Rerum vulgarium fragmenta (Canzoniere)

Il componimento Italia mia, benché ‘l parlar sia indarno fa parte del libro di liriche del Petrarca, il Canzoniere (titolo originale: Rerum vulgarium fragmenta), raccolta di trecentosessantasei poesie che raccontano l...

Vai all'analisi

Analisi del testo: "Quando io movo i sospir a chiamar voi"

in Rerum vulgarium fragmenta (Canzoniere)

Quando io movo i sospir a chiamar voi è il quinto componimento contenuto nel Rerum Vulgarium Fragmenta, opera più ampiamente nota con il nome di Canzoniere. In tale opera è trasposta la vita del poeta e i suoi sentimenti, si inten...

Vai all'analisi

Analisi del testo: "Era il giorno ch’al sol si scoloraro"

in Rerum vulgarium fragmenta (Canzoniere)

Il componimento che leggiamo fa parte del libro di liriche del Petrarca, il Canzoniere (titolo originale: Rerum vulgarium fragmenta), raccolta di trecentosessantasei poesie che raccontano la storia dell’amore del poeta per ...

Vai all'analisi