Analisi del testo: "La casa dei doganieri" di Eugenio Montale

Scheda sintetica dell'opera
  • Autore Eugenio Montale
  • Titolo dell'Opera Le occasioni
  • Prima edizione dell'opera 1939
  • Genere Poesia lirica
  • Forma metrica Quattro strofe, rispettivamente, con alternanza regolata, di cinque, sei, cinque e sei versi. I versi sono liberi ma con prevalenza di endecasillabi. Assonanza: vv. 5-7: irrequieto/lieto

Analisi del testo e Parafrasi: “La casa dei doganieri” di Eugenio Montale

Analisi del testo: "La casa dei doganieri" di Eugenio Montale


Testo dell'opera

1. Tu non ricordi la casa dei doganieri
2. sul rialzo a strapiombo sulla scogliera:
3. desolata t’attende dalla sera
4. in cui v’entrò lo sciame dei tuoi pensieri
5. e vi sostò irrequieto.

6. Libeccio sferza da anni le vecchie mura
7. e il suono del tuo riso non è più lieto:
8. la bussola va impazzita all’avventura
9. e il calcolo dei dadi più non torna.
10. Tu non ricordi; altro tempo frastorna
11. la tua memoria; un filo s’addipana.

12. Ne tengo ancora un capo; ma s’allontana
13. la casa e in cima al tetto la banderuola
14. affumicata gira senza pietà.
15. Ne tengo un capo; ma tu resti sola
16. né qui respiri nell’oscurità.

17. Oh l’orizzonte in fuga, dove s’accende
18. rara la luce della petroliera!
19. Il varco è qui? (Ripullula il frangente
20. ancora sulla balza che scoscende…)
21. Tu non ricordi la casa di questa
22. mia sera. Ed io non so chi va e chi resta.

Parafrasi affiancata

1. Tu non ricordi la casa dei doganieri
2. sulla cresta sporgente a strapiombo sulla scogliera:
3. (la casa) ti attende sconsolata da quella sera
4. quando lo sciame dei tuoi pensieri irrequieti vi entrò
5. e lì si fermò senza trovare pace.

6. Il libeccio (vento di sud-ovest) colpisce da anni le vecchie mura
7. e la tua risata non suona più lieta:
8. la bussola non fornisce indicazioni attendibili
9. e la combinazione dei dadi non è più prevedibile.
10. Tu non ricordi più; un altro momento della tua vita distrae
11. la tua memoria; un filo si dipana.

12. Ho in mano ancora un capo del filo, ma la casa si allontana
13. e, sulla cima del tetto, la banderuola del vento,
14. nera per il fumo, gira senza pietà.
15. Ho in mano un capo del filo; ma tu resti sola
16. né respiri in questa oscurità.

17. Oh l’orizzonte che sembra allontanarsi, sul quale si accende
18. raramente la luce di segnalazione della petroliera!
19-20. È qui il varco? (Sul faraglione che precipita si ribatte nuovamente l’onda…).
21. Tu non ricordi la casa di questo
22. mio finale d’esistenza. E io non so chi sta qui e chi se ne va.

Parafrasi discorsiva

Tu non ricordi la casa dei doganieri sulla cresta sporgente a strapiombo sulla scogliera: (la casa) ti attende sconsolata da quella sera quando lo sciame dei tuoi pensieri irrequieti vi entrò e lì si fermò senza trovare pace.
Il libeccio (vento di sud-ovest) colpisce da anni le vecchie mura e la tua risata non suona più lieta: la bussola non fornisce indicazioni attendibili e la combinazione dei dadi non è più prevedibile.
Tu non ricordi più; un altro momento della tua vita distrae la tua memoria; un filo si dipana. Ho in mano ancora un capo del filo, ma la casa si allontana e, sulla cima del tetto, la banderuola del vento, nera per il fumo, gira senza pietà. Ho in mano un capo del filo; ma tu resti sola né respiri in questa oscurità.

Figure retoriche

  • Anafore vv. 1, 10, 21: Tu non ricordi; vv.12, 15: Ne tengo ancora un capo/ Ne tengo un capo;
  • Anastrofe v. 3: desolata t’attende dalla sera;
  • Enjambements vv. 10-11: Tu non ricordi; altro tempo frastorna/ la tua memoria; vv. 12-13: Ne tengo ancora un capo; ma s’allontana/ la casa; vv. 13-14: la casa e in cima al tetto la banderuola/ affumicata gira senza pietà; vv. 17-18: Oh l’orizzonte in fuga, dove s’accende/ rara la luce della petroliera!; vv. 21-22: Tu non ricordi la casa di questa/ mia sera. Ed io non so chi va e chi resta;
  • Metafore v. 4: in cui v’entrò lo sciame dei tuoi pensieri; v. 8: la bussola va impazzita all’avventura; v. 9: e il calcolo dei dadi più non torna.

Commento



Registrati e Iscriviti alla newsletter


(Leggi la privacy)


Verrà spedita una password via e-mail.

È l'unico passaggio richiesto!

Verrai reindirizzato automaticamente in questa pagina dove troverai il commento per intero.

Hai già un'account? Effettua il login.

Lascia un commento

Devi essere loggato per postare un commento.