Analisi del testo: "La sera del dì di festa" di Giacomo Leopardi

Scheda sintetica dell'opera
  • Autore Giacomo Leopardi
  • Titolo dell'Opera Canti
  • Prima edizione dell'opera 1831, presso l’editore Piatti. Mentre la poesia, composta nel 1820, comparve per la prima volta nel 1825 sul “Nuovo Ricoglitore”
  • Genere Poesia lirica
  • Forma metrica Endecasillabi sciolti

Analisi del testo e Parafrasi: "La sera del dì di festa" di Giacomo Leopardi

Analisi del testo: "La sera del dì di festa" di Giacomo Leopardi


Testo dell'opera

1. Dolce e chiara è la notte e senza vento,
2. e queta sovra i tetti e in mezzo agli orti
3. posa la luna, e di lontan rivela
4. serena ogni montagna. O donna mia,
5. giá tace ogni sentiero, e pei balconi
6. rara traluce la notturna lampa:
7. tu dormi, ché t’accolse agevol sonno
8. nelle tue chete stanze; e non ti morde
9. cura nessuna; e giá non sai né pensi
10. quanta piaga m’apristi in mezzo al petto.
11. Tu dormi: io questo ciel, che sí benigno
12. appare in vista, a salutar m’affaccio,
13. e l’antica natura onnipossente,
14. che mi fece all’affanno. — A te la speme
15. nego — mi disse, — anche la speme; e d’altro
16. non brillin gli occhi tuoi se non di pianto. —
17. Questo dí fu solenne: or da’ trastulli
18. prendi riposo; e forse ti rimembra
19. in sogno a quanti oggi piacesti, e quanti
20. piacquero a te: non io, non giá ch’io speri,
21. al pensier ti ricorro. Intanto io chieggo
22. quanto a viver mi resti, e qui per terra
23. mi getto, e grido, e fremo. O giorni orrendi
24. in cosí verde etate! Ahi! per la via
25. odo non lunge il solitario canto
26. dell’artigian, che riede a tarda notte,
27. dopo i sollazzi, al suo povero ostello;
28. e fieramente mi si stringe il core,
29. a pensar come tutto al mondo passa,
30. e quasi orma non lascia. Ecco è fuggito
31. il dí festivo, ed al festivo il giorno
32. volgar succede, e se ne porta il tempo
33. ogni umano accidente. Or dov’è il suono
34. di que’ popoli antichi? or dov’è il grido
35. de’ nostri avi famosi, e il grande impero
36. di quella Roma, e l’armi, e il fragorío
37. che n’andò per la terra e l’oceáno?
38. Tutto è pace e silenzio, e tutto posa
39. il mondo, e piú di lor non si ragiona.
40. Nella mia prima etá, quando s’aspetta
41. bramosamente il dí festivo, or poscia
42. ch’egli era spento, io doloroso, in veglia,
43. premea le piume; ed alla tarda notte
44. un canto, che s’udía per li sentieri
45. lontanando morire a poco a poco,
46. giá similmente mi stringeva il core.

Parafrasi affiancata

1. La notte è calma, luminosa e priva di vento
2-3. e la luna splende tranquilla sui tetti e tra i giardini e mostra da lontano.
4. serena ogni montagna. O mia amata,
5. in tutti i sentieri c’è silenzio e attraverso i balconi
6. filtra raramente un lume notturno:
7. tu dormi, poiché ti prese facilmente il sonno
8. nelle tue stanze tranquille; e non ti tormenta
9. nessuna preoccupazione; e ancora non sai e non immagini
10. che ferita mi hai aperto nel petto.
11-12. Tu dormi: io mi affaccio a salutare questo cielo che all’apparenza sembra così sereno
13. e l’eterna natura che può tutto
14-15. che mi creò per soffrire. Mi disse: “A te tolgo la speranza, anche la speranza;
16. e i tuoi occhi non devono brillare per altri motivi se non per le lacrime”.
17. Questa giornata è stata di festa: ora dagli svaghi
18-19. ti riposi, e forse nel sogno ricordi a quanti oggi sei piaciuta e quanti
20-21. ti sono piaciuti: non ci sono io nei tuoi pensieri e neanche spero di esserci. Intanto io chiedo
22. quanto mi rimanga da vivere e qui per terra
23. mi getto, urlo e sono tutto agitato. Oh, che giorni terribili,
24. in un’età così giovane! Ahimè
25. sento per strada non lontano il canto solitario
26. dell’artigiano che ritorna a tarda notte
27. alla sua povera abitazione dopo i divertimenti
28. e crudelmente mi angoscio
29. a pensare come tutto nella vita passa
30. e non lascia quasi nessuna traccia. Ecco se n’è già andato
31. il giorno festivo, e al giorno festivo
32. segue quello feriale e il tempo trascina con sé
33. ogni vicenda umana. Ora dov’è il ricordo
34. di quei famosi popoli antichi? Ora dov’è il grido di gloria
35. dei nostri antenati famosi e il grande impero
36. della famosa Roma e il rumore delle armi
37. che percorse la terra e l’oceano?
38. Dovunque c’è pace e silenzio
39. e il mondo intero riposa e di loro non si parla più.
40. Nella mia infanzia, quando si aspetta
41. con desiderio il giorno festivo, oppure quando
42. si era già concluso, io angosciato, sveglio,
43. rimanevo a letto; e a tarda notte
44. un canto che si udiva attraverso i sentieri
45. e che lentamente si spegneva mentre si allontanava,
46. già allo stesso modo mi provocava angoscia.

Parafrasi discorsiva

La notte è calma, luminosa e priva di vento e la luna splende tranquilla sui tetti e tra i giardini e mostra da lontano. O mia amata, in tutti i sentieri c’è silenzio e attraverso i balconi filtra raramente un lume notturno: tu dormi, poiché ti prese facilmente il sonno nelle tue stanze tranquille; e non ti tormenta nessuna preoccupazione; e ancora non sai e non immagini che ferita mi hai aperto nel petto. Tu dormi: io mi affaccio a salutare questo cielo che all’apparenza sembra così sereno e l’eterna natura che può tutto che mi creò per soffrire. Mi disse: “A te tolgo la speranza, anche la speranza; e i tuoi occhi non devono brillare per altri motivi se non per le lacrime”. Questa giornata è stata di festa: ora ti riposi dagli svaghi; e forse nel sogno ricordi a quanti oggi sei piaciuta e quanti ti sono piaciuti: non ci sono io nei tuoi pensieri e neanche spero di esserci. Intanto io chiedo quanto mi rimanga da vivere e mi getto a terra, urlo e sono tutto agitato. Oh, che giorni terribili, in un’età così giovane! Ahimè sento per strada non lontano il canto solitario dell’artigiano che ritorna a tarda notte alla sua povera abitazione dopo i divertimenti e crudelmente mi angoscio a pensare come tutto nella vita passa e non lascia quasi nessuna traccia. Ecco se n’è già andato il giorno festivo, e al giorno festivo segue quello feriale e il tempo trascina con sé ogni vicenda umana. Ora dov’è il ricordo di quei famosi popoli antichi? Ora dov’è il grido di gloria dei nostri antenati famosi e il grande impero della famosa Roma e il rumore delle armi che percorse la terra e l’oceano? Dovunque c’è pace e silenzio e il mondo intero riposa e di loro non si parla più. Nella mia infanzia, quando si aspetta con desiderio il giorno festivo, oppure quando si era già concluso, io angosciato, sveglio, rimanevo a letto; e a tarda notte un canto che si udiva attraverso i sentieri e che lentamente si spegneva mentre si allontanava, già allo stesso modo mi provocava angoscia.

Figure retoriche

  • Enjambements vv. 3-4; vv. 8-9; vv. 11-12; vv. 14-15; vv. 25-26; vv. 30-31; vv. 31-32; vv. 33-34; vv. 34-35; vv. 35-36; vv. 38-39;
  • Apostrofe v. 4: “O donna mia”;
  • Anafore vv. 7, 11: “tu dormi … tu dormi”; vv. 33-34: “or dov’è… or dov’è”;
  • Polisindeti vv. 1-3: “Dolce e chiara è la notte e senza vento/ e quieta sovra i tetti e in mezzo agli orti/ posa la luna e di lontan rivela…”; vv. 35-36: “e il grande impero/ di quella Roma, e l’armi, e il fragorio”; vv. 9-10: “e non ti morde/ cura nessuna e già non sai né pensi”; vv. 22-23: “e qui per terra/ mi getto e grido e fremo”;
  • Metafore v. 24: “in così verde etate”;
  • Parallelismo vv. 33-35: “or dov’è il suono/ di quei popoli antichi/ or dov’è il grido/ dei nostri avi famosi”;
  • Metonimia v. 5: “già tace ogni sentiero”; v. 43: “piume”;
  • Chiasmo vv. 30-32: “è fuggito/ il dì festivo, ed al festivo il giorno/ volgar succede“;
  • Prosopopea: vv. 14-15: “A te la speme/ nego, mi disse, anche la speme”;
  • Interrogative retoriche vv. 33-37: “or dov’è il suono/ di quei popoli antichi/ or dov’è il grido/ dei nostri avi famosi, e il grande impero/ di quella Roma e l’armi e il fragorio/ che n’andò per la terra e l’oceano?”;
  • Climax ascendente v. 23: “mi getto e grido e fremo”.

Commento



Registrati e Iscriviti alla newsletter


(Leggi la privacy)


Verrà spedita una password via e-mail.

È l'unico passaggio richiesto!

Verrai reindirizzato automaticamente in questa pagina dove troverai il commento per intero.

Hai già un'account? Effettua il login.

(2) Commenti e Domande

Lascia un commento

Devi essere loggato per postare un commento.