Analisi del testo: "Nevicata" di Giosuè Carducci

Scheda sintetica dell'opera
  • Autore Giosuè Carducci
  • Titolo dell'Opera Odi barbare
  • Prima edizione dell'opera Odi barbare
  • Genere Poesia lirica
  • Forma metrica Cinque distici elegiaci

Analisi del testo e Parafrasi: "Nevicata" di Giosuè Carducci

Analisi del testo: "Nevicata" di Giosuè Carducci


Testo dell'opera

1. Lenta fiocca la neve pe ’l cielo cinerëo: gridi,
2. suoni di vita più non salgono da la città,
3. non d’erbaiola il grido o corrente rumore di carro,
4. non d’amore la canzon ilare e di gioventù.
5. Da la torre di piazza roche per l’aëre le ore
6. gemon, come sospir d’un mondo lungi dal dì.
7. Picchiano uccelli raminghi a’ vetri appannati: gli amici
8. spiriti reduci son, guardano e chiamano a me.
9. In breve, o cari, in breve – tu càlmati, indomito cuore –
10. giù al silenzio verrò, ne l’ombra riposerò.

Parafrasi affiancata

1. Scende lentamente la neve attraverso il cielo grigiastro;
2. non salgono più dalla città grida e rumori di vita,
3. non il grido della venditrice di verdure, o il rumore del carro che corre,
4. o la canzone d’amore lieta e tipica della giovinezza.
5. Dalla torre della piazza il suono attutito delle campane che battono le ore si spande per l’aria
6. come un lamento, come un sospiro di un mondo fuori dal tempo.
7. Gli uccelli erranti picchiano contro i vetri appannati: gli spiriti (v. 8) degli amici
8. morti sono ritornati, mi guardano e mi chiamano.
9. “Cari, presto, presto verrò – tu, calmati, cuore mai rassegnato – anch’io
10. giù nel silenzioso regno dei morti, riposerò nell’ombra”.

Parafrasi discorsiva

Scende lentamente la neve attraverso il cielo grigiastro; non salgono più dalla città grida e rumori di vita, non il grido della venditrice di verdure, o il rumore del carro che corre, o la canzone d’amore lieta e tipica della giovinezza. Dalla torre della piazza il suono attutito delle campane che battono le ore si spande per l’aria come un lamento, come un sospiro di un mondo fuori dal tempo. Gli uccelli erranti picchiano contro i vetri appannati: gli spiriti degli amici morti sono ritornati, mi guardano e mi chiamano. “Cari, presto, presto verrò – tu, calmati, cuore mai rassegnato – anch’io giù nel silenzioso regno dei morti, riposerò nell’ombra”.

Figure retoriche

  • Enjambements “le ore / gemon” (vv. 5-6); “gli amici / spiriti” (vv. 7-8);
  • Anafora “non … non” (vv. 3-4);
  • Ipallage “corrente rumore di carro” (v. 3);
  • Chiasmo “non d’erbaiola il grido o corrente rumore di carro” (v. 3);
  • Anastrofi “Lenta fiocca la neve” (v. 1); “non d’erbaiola il grido” (v. 3); “non d’amor la canzone ilare” (v. 4); “spirti reduci son” (v. 8);
  • Similitudine “le ore / gemon, come sospir d’un mondo lungi dal dì” (vv. 5-6);
  • Metonimia “le ore” (cioè “le campane”, v. 5)

Commento



Registrati e Iscriviti alla newsletter


(Leggi la privacy)


Verrà spedita una password via e-mail.

È l'unico passaggio richiesto!

Verrai reindirizzato automaticamente in questa pagina dove troverai il commento per intero.

Hai già un'account? Effettua il login.

(2) Commenti e Domande

    • fareLetteratura

      Ciao Francesco, per sintassi si intende come le parole si uniscono tra loro per formare una proposizione e i vari modi in cui le proposizioni si collegano per formare un periodo.

      Questo è un esempio di proposizione: “Carducci ha scritto Nevicata” (Soggetto – Verbo – Complemento)

      Mentre il periodo è composto da più proposizioni combinate in una sola struttura di senso compiuto.

Lascia un commento

Devi essere loggato per postare un commento.