[Video] Intervista a Giovanni Pascoli (Quinto Parmeggiani)


D: Dicevamo, per tanti anni mi sentivo molto tranquillo. Non avendola mai letta credevo che fosse davvero uno sperimentale molto spericolato come sostenevano i nostri critici più squisiti. […] [Invece] mi sembra che veramente lei sia un poeta tutto di uccellini e di rondinini e di galline che fanno l’ovino e cip cip e ciap ciap e nient’altro. E ben contento? Niente di male del resto.[…]

R: Oh bella scoperta. Tutto qui? Adesso le leggo qualche ritaglio d’un critico dei miei tempi Benedetto Croce sui migliori poeti della Belle Époque.

Lascia un commento

Devi essere loggato per postare un commento.