Analisi del testo: "Il sentiero dei nidi di ragno" di Italo Calvino

Scheda sintetica dell'opera
  • Autore Italo Calvino
  • Titolo dell'Opera Sentiero dei nidi di ragno
  • Prima edizione dell'opera 1947
  • Genere Romanzo
  • Narratore Eterodiegetico
  • Punto di vista Focalizzazione interna
  • Tempo della storia Anni della Resistenza

Analisi del testo: “Il sentiero dei nidi di ragno” di Italo Calvino

Analisi del testo: "Il sentiero dei nidi di ragno" di Italo Calvino


Trama

Il sentiero dei nidi di ragno racconta la storia di Pin, ragazzino cresciuto – insieme alla sorella prostituta – in un ambiente povero d’una città di mare della Riviera, il quale decide di unirsi ad una banda di partigiani sbandati. Sono, infatti, gli anni dell’occupazione tedesca e della Resistenza, a cui Pin prenderà parte per sottrarsi alla sua solitudine.

Personaggi

  • Pin: giovane che vive nel quartiere povero di un porto di mare insieme alla sorella prostituta. Poche sono le indicazione fisiche del protagonista: «ha due braccine smilze smilze ed è il più debole di tutti» e «le lentiggini gli divorano la faccia». È emarginato dai ragazzi della sua età per la sua condizione e si trova bene con gli adulti del bar del suo paese, che gli chiedono di raccontare barzellette o di cantare. Per essere accettato usa un linguaggio volgare e spettegola con loro. Nemmeno nel mondo degli adulti, però, Pin riesce ad inserirsi a causa della sua giovane età. Nonostante l’apparenza di ragazzo sicuro di sé, è in realtà fragile e bisognoso di affetto. Si rifugia dunque in un luogo vicino al torrente, un sentiero in cui i ragni fanno il loro nido, che diventa nel suo immaginario un luogo favoloso e fiabesco, conosciuto solamente da lui, anche se Pin vorrebbe mostrarlo a qualcuno che sia un vero amico. Le esperienze vissute, la visione della guerra, del tradimento e della morte ci mostrano, alla fine del romanzo, un personaggio sicuramente più maturo e responsabile dell’inizio.
  • Sorella di Pin: è la prostituta del paese, chiamata «la nera del carrugio lungo», anche per il suo aspetto scimmiesco. Ha in affidamento il ragazzo, ma non se ne cura minimamente. Con il suo mestiere spera di poter condurre una vita lontana dalla miseria. Si dà sia ai partigiani che ai fascisti, da cui è molto ricercata, e per questo è considerata da Pin come una traditrice e disprezzata. È anche a causa della vita della sorella che il ragazzo è deriso dai compagni.
  • Lupo Rosso: partigiano che Pin incontra in prigione e che lo aiuterà a scappare. Robusto di corporatura, ha un volto livido e i capelli rossi. È noto per le sue scorrerie contro i tedeschi e per il suo grande coraggio. Ha una passione per le armi e si professa comunista leninista. I due si ritroveranno successivamente all’interno della stessa banda.
  • Cugino: è un partigiano, grosso fisicamente, con «baffi rossicci e gli occhi azzurri e un’aria da mascherone per la sua bocca maldentata e il naso spiaccicato sulla faccia». È buono e ingenuo. Non ha simpatia per le donne, che reputa la causa di tutti i mali, probabilmente per il fatto che mentre era in guerra veniva tradito dalla compagna. Incontra Pin in un bosco e decide di portarlo con lui e non abbandonarlo. Agli occhi del ragazzo sarà l’amico tanto desiderato: non è attratto, a differenza degli altri, dalla sorella e si mostra interessato al sentiero dei nidi di ragno.
  • Dritto: comandante del distaccamento. È un giovane magro e malato, con uno strano movimento delle narici. Nonostante i problemi di salute, dirige il gruppo in modo preciso. È lui a rendersi conto che il loro distaccamento è considerato il più inaffidabile, aspetto che emerge nei discorsi del commissario Kim.
  • Kim: commissario incaricato di indagare dopo l’incendio del casolare in cui vive la banda partigiana. Calvino affida a questo personaggio il compito, nel capitolo IX, di esporre le ragioni ideologiche e politiche che sono alla base della Resistenza e che coincidono con le idee sostenute dall’autore in quegli anni.
  • Mancino: anziano cuoco del distaccamento, sposato con Giglia. Possiede un falchetto di nome Babeuf.
  • Giacinto lo stagnino, Conte: altri componenti della banda

Riassunto

Pin è un giovane povero, dalla voce rauca e con lentiggini rosse e nere, che vive in un quartiere portuale della Riviera insieme alla sorella prostituta. È considerato l’amico dei grandi, in quanto non ha amici della sua età: i compagni con cui vorrebbe giocare lo deridono per la sua situazione.

Cresciuto in fretta in questo ambiente ostile, sperimenta ben presto la solitudine e per questo si rifugia nell’immaginazione e nel fiabesco, che si concretizzano nella scoperta del luogo in cui i ragni fanno il nido.

In un’osteria incontra Comitato, un capo partigiano che gli dà l’incarico di rubare la pistola P38 ad un soldato tedesco che la sorella frequenta. Pin riesce a sottrarla e nasconderla nel suo luogo segreto. Viene catturato per questo furto e in prigione incontra Lupo Rosso, con cui decide di rimanere rinunciando alla possibilità di arruolarsi nelle Brigate nere.

Riescono a fuggire e si separano per poi darsi appuntamento alla sera, ma Lupo Rosso non si presenta. Pin decide allora di recarsi dove i ragni fanno il nido e sulla strada incontra un altro partigiano, Cugino, che gli offre un pezzo di pane e lo conduce in collina, presso l’accampamento di una banda partigiana. Il gruppo è mal organizzato e composto da vagabondi, ladri e venditori di borsa nera. Qui ritrova Lupo Rosso.

Pin entra a far parte del distaccamento del Dritto e racconta della pistola nascosta, ma nessuno gli crede, tranne Pelle, che dice di conoscere il luogo in cui i ragni fanno il nido e scommette con Pin che troverà l’arma.

Il casolare in cui alloggiano però brucia. Il comandante Ferriera e il commissario partigiano Kim compaiono per indagare sull’accaduto. In quest’occasione Kim espone le ragioni ideologiche che stanno alla base della lotta partigiana e consiglia di appostarsi sui monti in vista del rastrellamento tedesco. Giunge anche la notizia del tradimento di Pelle e Pin è preoccupato soprattutto perché probabilmente aveva la sua pistola.

Il giorno seguente Pin decide di restare nell’accampamento con Giglia e Dritto (tra cui scopre una relazione) e di non prendere parte alla battaglia, che si conclude con una ritirata dei partigiani. Successivamente arriva Lupo Rosso che racconta l’uccisione di Pelle.

Pin, costretto ad allontanarsi dopo aver rivelato la tresca cantando, cerca di recuperare la P38, che non è più nel luogo in cui l’aveva nascosta e la ritrova nella casa della sorella, che scopre ricevere anche tedeschi.

Uscendo incontra Cugino e gli mostra il sentiero dei nidi di ragno. Il compagno è molto interessato e Pin finalmente si rende conto di aver trovato un vero amico, qualcuno che lo comprende. «E continuano, l’omone e il bambino, nella notte, in mezzo alle lucciole, tenendosi per mano».

Commento



Registrati e Iscriviti alla newsletter


(Leggi la privacy)


Verrà spedita una password via e-mail.

È l'unico passaggio richiesto!

Verrai reindirizzato automaticamente in questa pagina dove troverai il commento per intero.

Hai già un'account? Effettua il login.

Lascia un commento

Devi essere loggato per postare un commento.